domenica 4 gennaio 2009

terra, casa, prato bagnato...

Mi sono svegliata con un groppo in gola, con la paura, non sto vivendo la mia vita, nonostante le apparenze, no, non la sto vivendo. Mi lascio trascinare e stanotte c'era un treno e c'era una fermata mancata a ricordarmelo, a farmelo capire, credo. Ho ancora il disagio adddosso, il tormento di non comunicare bene ciò che voglio, il disappunto di chi si ritrova con un' indigestione e non aveva neanche fame. Una passeggiata al sole, una sudata in palestra, un incontro di amici veri, una macchina fotografica vera e un uomo mio, solo mio, solo mio, mio, mio... ma, prima di tutto, evidentemente suo, con la terra e le radici visibili, capace di farmi inciampare, fermarmi, slacciarmi le scarpe e il reggiseno...

7 commenti:

  1. Dai che ti consolo: se stai seduta in palestra... per forza! La macchina fotografica è un optional e per di più costoso, se cerchi un uomo che sappia slacciare i reggiseni... secondo me o usi quelli semplici semplici o vai incontro a dei dispiaceri! (ce ne sono certi... assurdi! Chi li fa... le suore?...) per la terra sulle scarpe (era così?...), ne trovi, ne trovi...! Buona giornata! ;)

    RispondiElimina
  2. La vita e' un dolcissimo prestito che va' restituito...vivila come sai vivere e non lasciarti vivere..

    RispondiElimina
  3. evita di mangiare peperoni la sera tardi...

    RispondiElimina
  4. Ciao, da te si può commentare solo se loggati?... (chiede Lightdew) :)

    RispondiElimina
  5. carissima non ti consoco ma dalle tue parole mi rivedo anni fa....ogni tanto la sensazione torna ma fidati, non può piovere per sempre! Da me, dopo tanta pioggia, troppa, ora c'è il sole e l'ho legato a me con un laccio di seta resistente al calore!
    se vuoi te lo presto....

    RispondiElimina
  6. La consapevolezza del disagio dell'incomunicabilità,del non riuscire a dare voce davvero ai pensieri e ai bisogni,la sensazione di stare sopravvivendo alla Vita,galleggiando invece di nuotare,è il primo importante passo verso il cambiamento cui probabilmente aneli.
    Come a dire che sei sulla via della guarigione.Ma,come in ogni cosa,ci vuole pazienza,la capacità di saper aspettare e non avere fretta.


    Un sorriso.Antonia.

    RispondiElimina